In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL LIGURIA – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Prosegue lo sciopero degli autotrasportatori

AutotrasportatoriGenova, 13-07-2018: Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti sono stati convocati oggi in prefettura per discutere della difficile vertenza che vede coinvolti i lavoratori dell'autotrasporto in sciopero da due giorni. Al tavolo erano presenti tutti i soggetti competenti, dai terminalisti alle istituzioni

tra cui il prefetto di Genova Fiamma Spena, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e il sottosegretario ai Trasporti Edoardo Rixi, esclusa Confindustria, attore di primo piano che potrebbe sbloccare la vertenza. Filt, Fit, Uiltrasporti rappresenteranno ai lavoratori i contenuti del dibattito svoltosi questa mattina, ma il blocco dei varchi portuali resta confermato anche per la giornata di domani. Le OO.SS credono che il bene più prezioso per le istituzioni debba essere lavoro, sviluppo e occupazione in un quadro di civiltà, sicurezza e legalità, e hanno dichiarato tre giorni di sciopero in rappresentanza di tutti camionisti genovesi che con professionalità esercitano, da sempre, il loro lavoro permettendo alle ditte e al porto di Genova di raggiungere i risultati sperati. I lavoratori non possono continuare ad operare in un contesto che mina ogni giorno salute e sicurezza a causa dei tempi di attesa ai terminal. Secondo le OO.SS raggiungere i record di container movimentati a scapito di salute e sicurezza vuol dire compiere un azzardo, e né lavoratori, né imprese, né istituzioni possono permettersi di correre questo rischio.

C'è bisogno di un accordo quadro che regolamenti questo tipo di attività, sgombrando il campo dagli equivoci sulla monetizzazione del rischio. Con la mediazione dell'Autorità di sistema portuale di Genova, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti erano giunte a un'ipotetica intesa che, purtroppo, mantiene problemi di rappresentanza delle controparti e di numerose società che non fanno riferimento alle associazioni datoriali che hanno firmato il pre-accordo. Le problematiche emerse ancora una volta al tavolo hanno impedito di rendere veramente esigibile un accordo tutt'oggi non firmato da quelle aziende, dove abbiamo un'alta rappresentanza sindacale, che oggi non erano al tavolo di confronto in prefettura. L'unico nostro obiettivo è sempre stato la riduzione dei tempi di attesa ai terminal, attuando e rendendo strutturale un percorso avviato ormai da inizio 2018.

Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti Genova

Stampa