In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL LIGURIA – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

CONFEDERAZIONE ITALIANA SINDACATI LAVORATORI

#FUTUROALLAVORO, TANTISSIMI DALLA LIGURIA A ROMA

 

51956140 940809526109706 3656099831367073792 o

 

 

Guarda le foto che si trovano sulla pagina Facebook di Cisl Liguria

Farmacie comunali, martedì 27 novembre è di nuovo sciopero

Farmacie comunaliGenova, 26/11/2018. Le O.O.S.S. Filcams CGIL, Fisascat CISL, Uiltucs UIL, unitamente ai lavoratori ed alle lavoratrici delle Farmacie Comunali seriamente preoccupati per il loro futuro occupazionale, dopo aver scioperato lo scorso 12 aprile, presidiato, raccolto firme, espresso nei tanti consigli comunali e audizioni consiliari in questi mesi la loro ferma contrarietà alla privatizzazione

di Farmacie srl, domani 27 novembre manifesteranno nuovamente il dissenso attraverso lo sciopero. L'appuntamento con le lavoratrici e i lavoratori è alle 13.30 davanti a Palazzo Tursi, per poi salire con loro in Consiglio Comunale intorno alle 14.

Continuiamo a sostenere che sia auspicabile procedere nel percorso intrapreso in questi ultimi anni, quello che ha valorizzato le Farmacie Comunali per accrescere la loro qualità del servizio ed il ruolo di presidio resi alla cittadinanza salvaguardando le professionalità esistenti. La Svendita, come abbiamo sempre sottolineato, rappresenterebbe un impoverimento del ruolo pubblico dell’Azienda Farmacie Genovesi s.r.l. come dimostrato dalle tante firme dei cittadini genovesi raccolte a sostegno in tutti questi mesi.

Tutto ciò è stato con forza ribadito nei diversi incontri avvenuti nei mesi  e nei guorni scorsi; nonostante questo, oggi ci troviamo di fronte ad una proposta di delibera che, ostinatamente, contro anche una parte della maggioranza, il sindaco Bucci vuole portare al voto della giunta; in tanti infatti hanno potuto verificare i nostri costanti input e quindi che le Farmacie Comunali sono un’azienda sana, con un conto economico in equilibrio. E allora perchè venderle? Abbiamo nel tempi scoperto che non siamo i soli, insieme ai lavoratori, a pensare che qualcosa non torna in questo processo di alienazione. La valenza sociale di questa azienda è evidentemente più importante di ogni logica di business.

Domani chiederemo nuovamente alla politica di agire con senso di responsabilità, perchè l'unica garanzia concreta per questi lavoratori e per i cittadini è che la partecipata Farmacie Genovesi Srl non sia svendutta e resti patrimonio della città.


Il 29 novembre saremo di nuovo auditi in commissione.

Stampa Email