Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.

  • Home
  • Categoria blog
  • Notizie Genova
  • Carige, First Cisl: salvo il contratto dei lavoratori coinvolti nella cessione Npl (crediti problematici non recuperabili) a Credito Fondiario, ma incomprensibile non fare la gestione "in house"
CONFEDERAZIONE ITALIANA SINDACATI LAVORATORI

Carige, First Cisl: salvo il contratto dei lavoratori coinvolti nella cessione Npl (crediti problematici non recuperabili) a Credito Fondiario, ma incomprensibile non fare la gestione "in house"

Banca CarigeGenova, 06-02-2018: "In un momento nel quale le banche sembrano avere in mente solo liberarsi in fretta degli npl e dei lavoratori che li gestiscono, anche a costo di buttarli fuori dall’area del credito come già avvenuto in Unipol Banca dove si è attuata un’operazione che solleva molti dubbi anche sul piano della legittimità, è fondamentale aver sancito la tenuta contrattuale

dentro al settore del credito per i 56 dipendenti coinvolti nella vendita delle sofferenze di Carige, anche se continuiamo a ritenere illogico questo genere di operazioni, quando si potrebbe invece lavorare sulla gestione paziente in house dei crediti deteriorati". Così commenta Vilma Marrone, segreteria nazionale della First Cisl, l’accordo sottoscritto nella notte in merito alle ricadute al trasferimento del ramo d’azienda del recupero crediti e del contenzioso da Banca Carige al Credito Fondiario.

"Pur non condividendo il senso di simili operazioni - aggiunge Alessandro Mutini, responsabile First Cisl Genova in Carige – abbiamo ritenuto fondamentale quantomeno garantire ai lavoratori, che passano al Credito Fondiario per gestire gli 1,2 miliardi di crediti deteriorati già venduti e altri npl tuttora in Carige, di poter proseguire la loro attività senza soluzione di continuità, con ampie garanzie occupazionali anche rispetto alla sede di lavoro, che rimane a Genova, e senza subire peggioramenti sul piano contrattuale. Abbiamo inoltre pattuito che nel caso si verifichino tensioni occupazionali, inclusa l’eventuale chiusura della sede di Genova del Credito Fondiario, Carige si impegna a riassumere i lavoratori che non fosse possibile gestire con gli strumenti volontari previsti dal contratto nazionale e dalla Legge, questo per dieci anni qualora vi fosse il recesso del mandato di gestione da parte di Carige, e fino al 30 aprile 2021 se le problematiche si verificassero invece direttamente nel Credito Fondiario.

Stampa Email